LESS IS MORE

Avere il coraggio di tagliare le parti che non sono funzionali al racconto

Una volta che si inizia a scrivere, dopo che si hanno le idee chiare sulla struttura della storia e sul tipo di narrazione che si vuole fare, le parole, se siamo fortunati, iniziano a uscire fuori dalla penna o meglio ancora dalle nostre dita che battono freneticamente sulla tastiera del PC.

Le descrizioni escono fuori così vivaci e tanti altri personaggi che non avevamo considerato iniziano a far capolino. Così iniziamo a prenderli in considerazione, approfondendo, a volte inutilmente, le loro vite, il loro background e così via.

Oppure ci dilunghiamo più del necessario nella descrizione di un ambiente e indulgiamo in descrizioni dettagliate che al momento ci sembra diano maggiore ricchezza alla nostra storia. A volte, questi ambienti dove si viene a trovare un personaggio, gli ricordano qualcosa, un qualcosa magari legato al suo passato e ad altri personaggi che un tempo vissero in quegli stessi luoghi e che quindi decidiamo di raccontare. Alla fine, ahimè, dopo tre o quattro pagine, finalmente torniamo al dunque e continuiamo la nostra storia.

Rileggendo ci convinciamo inconsciamente che “sì, è un po’ lungo…” ma quanto sono belle quelle descrizioni, quei tratteggiamenti di carattere, quelle immagini scritte che sembrano vive. E così le lasciamo.

SBAGLIATO!

Bisogna avere invece un coraggio da killer e sopprimere tutto quello che non è funzionale alla storia o che non porta da nessuna parte: personaggi che non vengono sviluppati o peggio che si perdono per strada, particolari che ci si aspetta abbiano un qualche significato, descrizioni o reminiscenze che non sono collegate a nulla e così via.

Lo so, può essere crudele ma alla fine, quando tutto nella nostra storia torna ed ha un significato, saremo felici di aver eliminato quello che non serviva. Less is more, più elimini le parti che non servono più la tua storia migliora!

TIP: Chiedersi sempre: “…se tolgo questo, la storia funziona lo stesso?” Oppure: “questa cosa che sto scrivendo è essenziale o superflua?” Se la risposta è positiva, alzare la mannaia e tagliare senza pietà!

ISCRIVITI AL MIO BLOG E RICEVERAI SUBITO IN REGALO

IL SOCIAL MEDIA PLANNER!


0

Leave a Reply

*